Dona il 5x1000

Chi Siamo

La sua fondazione, già avvenuta in data 17 novembre 1976 con atto registrato a  Milano il 3 dicembre 1976, è stata ispirata da Lama Thubten Yesce e da Lama Thubten Zopa Rinpoce ed è stata attuata da alcuni dei loro discepoli occidentali allo scopo di mettere a disposizione di tutti questo patrimonio di saggezza, consentendo a ciascuno di attingervi secondo le proprie necessità.
Resta un principio di fondamentale importanza che il corpo degli insegnamenti si mantenga integro e incontaminato nella sua essenza, nonostante alcuni mutamenti formali dovuti alle diverse circostanze, tempi e ambienti.

ART. 1
E’ costituita l’associazione di promozione sociale ai sensi della Legge 7 dicembre 2000, n° 383 e della Legge Regione Toscana 9 dicembre 2002, n° 42 e delle norme generali del nostro ordinamento giuridico denominata “Kurukulla, il tesoro che esaudisce tutti i desideri“, la cui abbreviazione sarà Kurukulla, Associazione per la Pratica dei valori della religione Buddista Mahayana, con sede in Pomaia di Santa Luce (PI), via Poggiberna 15.
La sede sociale può essere variata con semplice delibera del Consiglio Direttivo qualora il trasferimento avvenga all’interno del Comune di Santa Luce.

L’Associazione si pone sotto l’autorità spirituale di Sua Santità il Dalai Lama, premio Nobel per la Pace 1989, e trae origine e ispirazione per tutte le sue attività dagli insegnamenti di Lama Tsong Khapa fondatore della scuola Ghelupa, così come ci sono stati trasmessi da Lama Thubten Yesce e Lama Thubten Zopa Rinpoce.

Kurukulla è un’Associazione senza scopo di lucro. I proventi, gli utili, gli avanzi di gestione, i fondi e le riserve di capitale non saranno, in nessun caso, divisi fra gli associati, anche in forme indirette durante la vita dell’associazione, salvo che la destinazione o la distribuzione non siamo imposte dalla legge;  Kurukulla si obbliga a reinvestire l’eventuale avanzo di gestione a favore di attività istituzionali statutariamente previste. L’associazione avrà durata illimitata.
L’associazione è altresì caratterizzata dalla democraticità della struttura, dall’elettività e gratuità delle cariche associative e dall’obbligatorietà del bilancio.

ART. 2
L’Associazione ha lo scopo di creare le condizioni favorevoli allo studio e alla pratica della filosofia, della psicologia e della tradizione buddhista mahayana sotto l’aspetto culturale, religioso nell’ottica complessiva di promuovere il benessere psico-fisico sia individuale, sociale e collettivo.

Kurukulla infatti, in linea con i principi che ispirano la tradizione buddhista, persegue la finalità di promuovere, tutelare, e favorire lo sviluppo sociale, culturale e formativo, in quei settori che permettono di far crescere i valori della pace, della solidarietà, della convivenza sociale e democratica, favorendo lo sviluppo umano secondo i valori e i principi fondamentali di un buddismo impegnato nell’azione sociale, della nonviolenza, dell’inclusività.

Kurukulla si propone di incrementare e applicare le conoscenze filosofiche, psicologiche, psico-sociali, in campi particolarmente importanti e attuali, come l’oppressione politica, i diritti umani, la povertà, la razza, le relazioni di genere, l’etnicità, la tutela della salute, le prigioni, la scuola, le condizioni dell’infanzia, l’ecologia, il lavoro.
Tutto ciò muove dalla convinzione che nel mondo attuale, caratterizzato da una diffusione globale di umana miseria, ingiustizia sociale, oppressione e conflitti, la pratica buddhista, intesa come azione dettata da motivazione altruistica, rappresenta un importante fattore cooperante nel miglioramento della società.

Poiché il buddismo è basato sul principio secondo il quale ogni essere umano ha un illimitato potenziale di evoluzione interiore, che può essere sviluppato e realizzato interamente attraverso specifiche pratiche di meditazione e un modo di vita che si basi sul rispetto degli altri e di se stessi, l’attività dell’associazione si attua a tre livelli:
– Culturale, per le persone interessate ad aspetti filosofici;
– Filantropico, per le persone che sono interessate agli aspetti umanitari e caritatevoli;
– Religioso, per le persone che dal buddhismo traggono una guida per la propria evoluzione spirituale, aspetti che si realizzano sul piano pratico con la giornaliera opera di servizio e di impegno spirituale nei confronti dell’Istituto e dei suoi associati.

Nell’ambito della propria opera istituzionale, l’Associazione pone in essere ogni tipo di iniziativa che sia ritenuta utile al conseguimento dei propri fini ed in particolare potrà:

– Organizzare e gestire completamente corsi di studio, di meditazione e ritiri, anche di lunga durata, sia per praticanti sia per studiosi, finalizzati alla divulgazione del buddhismo e anche alla formazione di insegnanti;

– Organizzare corsi di formazione di carattere etico, culturale e sociale.
L’associazione potrà fornire ai partecipanti ai corsi e ai relativi docenti, strutture ricettive con i relativi servizi, presso la propria sede o altrove;

– Promuovere lo scambio di esperienze spirituali e la solidarietà tra i praticanti;

– Creare in seno alla comunità buddista le condizioni adatte alla costituzione e allo sviluppo di monasteri, contribuendo inoltre al sostentamento di monaci e monache secondo le regole buddiste;

– Promuovere attività di volontariato a scopo sociale e umanitario partecipando eventualmente a progetti di cooperazione internazionale in paesi buddisti e non;

– Collaborare con apposite strutture esistenti, nell’assistenza ai carcerati, portatori di handicap, anziani, malati o in generale persone in situazione di disagio, ed eventualmente costituire organizzazioni specifiche allo scopo;

– Nel rispetto delle leggi vigenti, provvedere ai riti funebri e alla conservazione dei resti dei fedeli;

– Riordinare e sviluppare la grande biblioteca buddhista dell’Istituto Lama Tzong Khapa, tenuta a disposizioni di tutti;

– Creare borse di studio per studenti e ricercatori meritevoli e per la formazione di traduttori dal tibetano;

– Organizzare corsi di medicina tradizionale, naturopatia e discipline olistiche.

– Organizzare viaggi e soggiorni a scopi di pellegrinaggio;

– Provvedere alla traduzione, stampa e distribuzione di testi originali buddisti, nonché delle opere di maestri contemporanei;

– Promuovere processi di integrazione sociale come condizione positiva di benessere psico-fisico individuale, familiare e di comunità;

– Promuovere attività nel campo della prevenzione e risoluzione nonviolenta dei conflitti;

– Favorire la cultura del dialogo per il contenimento della violenza in tutte le sue espressioni;

– Promuovere e favorire attività per il reinserimento di taluni soggetti svantaggiati;

– Organizzare e svolgere attività di ricerca scientifica diretta alla elaborazione di un lessico interculturale dell’esperienza sociale, e specificamente filosofica e giuridica, e promuovere modelli di educazione civica interculturale.

– Procedere alla produzione e diffusione di audiovisivi e di periodici a mezzo stampa, siti web e ogni altro mezzo idoneo;

– Porsi come Ente presso cui espletare il servizio civile per obiettore di coscienza.
Per realizzare gli scopi elencati l’Associazione potrà effettuare le attività che riterrà più idonee, tra le quali:

– Attività di ricerca e formazione, educazione, tutela e intervento in campo psicologico, sociologico, giuridico, umanistico, artistico, della salute e del benessere.

– Attività di promozione del benessere attraverso interventi di accoglimento, counseling, sostegno psicologico, psicoterapia, e discipline bionaturali.

– Attività di mediazione sociale;

– Attività di formazione ed educazione;

– Svolgere in via accessoria e strumentale al perseguimento dei fini istituzionali, e comunque non prevalente al perseguimento dei fini istituzionali, attività di commercializzazione, con riferimento a quei beni di significativo valore nel perseguimento degli scopi del sodalizio;

– predisporre e fornire, in coerenza con le proprie finalità, ogni altro servizio che possa favorire la crescita e migliorare l’efficacia dell’azione dei propri aderenti ed il loro radicamento sociale e culturale.